L’ecocidio del Nagorno-Karabakh è una grave minaccia per l’equilibrio ecologico dell’Azerbaijan e una minaccia alla pace e alla sicurezza della regione. Quali sono i motivi? Qual è oggi la situazione?

La storia

Durante il XIX secolo, il Nagorno-Karabakh faceva parte dell’impero russo: gli armeni cristiani e i turchi musulmani che avevano abitato la zona per secoli vivevano in relativa pace. Dopo la prima guerra mondiale e il crollo dell’impero russo, l’area fu rivendicata da entrambe le nuove nazioni indipendenti. Anche se era abitata principalmente da armeni, cadde sotto i confini dell’Azerbaijan. Le tensioni furono in parte risolte con l’arrivo dei bolscevichi nel 1920. Tuttavia, ci volle l’URSS fino al 1923 per determinare che l’amministrazione della regione autonoma sarebbe stata della Repubblica Socialista Sovietica Azerbaigiana e non Armena.

Dopo il crollo dell’URSS e l’indipendenza dell’Azerbaijan e dell’Armenia nel 1991, gli scontri etnici degenerarono in una guerra tra secessionisti armeni e truppe azere. I combattimenti durarono fino al 1994, quando fu firmato un cessate il fuoco mediato dalla Russia, lasciando il Nagorno-Karabakh – e le aree confinanti del territorio azero – sotto il controllo armeno. I morti furono stimati tra i 20.000 e i 30.000, e più di un milione di azeri fuggirono dalla regione. Le cicatrici di questa guerra sono ancora visibili nel paesaggio – attraverso centinaia di insediamenti abbandonati – e/o nella cosiddetta ‘linea di contatto, una striscia di terra sterile e desolata tra il Nagorno-Karabakh e l’Azerbaijan. Nel 1992 la Repubblica del Nagorno-Karabakh ha dichiarato la sua indipendenza e da allora amministra la regione, anche se lo stato non è mai stato riconosciuto a livello internazionale.

La storia recente e l’inizio dell’ecocidio del Nagorno-Karabakh

Con l’eccezione della “guerra dei quattro giorni” del 2016, il conflitto è rimasto relativamente “congelato” con combattimenti a bassa intensità fino allo scoppio dell’ultimo conflitto il 27 settembre 2020. I combattimenti sono durati 6 settimane, con le forze azere che hanno preso gran parte del territorio del Nagorno-Karabakh, prima che una tregua mediata dalla Russia entrasse in vigore il 10 novembre. Si stima che quasi 150 civili e più di 5.000 soldati siano stati uccisi, con altre 130.000 persone sfollate – soprattutto residenti del Nagorno-Karabakh in fuga verso l’Armenia.

Secondo la dichiarazione congiunta, gli armeni dovevano lasciare la regione occupata di Kalbajar entro il 15 novembre (poi esteso al 25 novembre), la regione di Aghdam entro il 20 novembre e la regione di Lachin entro il 1° dicembre. Mentre l’accordo di pace garantiva la vittoria dell’Azerbaigian e quindi fu un grande motivo di celebrazione per gli azeri, gli armeni reagirono con rabbia e profonda frustrazione.

Nonostante il fatto che gli armeni si fossero trasferiti in queste regioni azerbaigiane solo dopo la loro occupazione nella guerra dei primi anni ’90, hanno trovato inaccettabile la restituzione di quei territori agli azeri. I media hanno mostrato gli armeni di Kalbajar che bruciavano le case, tagliavano gli alberi e davano fuoco alle foreste prima di lasciare la regione. È stato riferito che hanno anche bruciato scuole, ospedali e macellato il bestiame rimasto. Purtroppo, questi atti non hanno ricevuto una reazione adeguata da parte delle istituzioni internazionali e delle ONG che si occupano di questioni ambientali.

La condanna europea

Tuttavia, il caso in questione, non è un’eccezione, questo terrorismo ambientale contro le regioni occupate dell’Azerbaijan è iniziato fin dall’inizio dell’occupazione. L’ecosistema, la fauna e le risorse naturali della regione sono state violentemente distrutte negli ultimi 27 anni. In molte occasioni, le organizzazioni internazionali hanno lanciato l’allarme contro la devastazione dell’ambiente della regione del Karabakh e oltre, causata dall’occupazione.

Nel gennaio 2016, l’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa ha adottato la risoluzione 2085 che condannava il fatto che l’occupazione da parte dell’Armenia del Nagorno-Karabakh e di altre zone adiacenti dell’Azerbaijan aveva creato problemi umanitari e ambientali per i cittadini dell’Azerbaijan che vivono nella bassa valle del Karabakh. Hanno chiesto alle autorità armene di smettere di usare le risorse idriche come strumenti di influenza politica.

Ecoterrorismo in Nagorno-Karabakh

Fonte immagine:  https://ceobs.org/investigating-the-environmental-dimensions-of-the-nagorno-karabakh-conflict/

Il meme è prodotto dal Ministero dell’Ecologia e delle Risorse Naturali della repubblica dell’Azerbaijan

Il rapporto dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE)

Secondo il rapporto “Environment and Security: Transforming Risks into Cooperation – The Case of the Southern Caucasus” preparato dall’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE), dal Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (UNDP) e dal Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (UNEP) nell’ottobre 2004, l’occupazione ha rappresentato una grande sfida per l’ambiente e la sicurezza dell’Azerbaigian, e ha posto problemi specifici come l’impatto a lungo termine dell’eccessivo sfruttamento dei pascoli, del disboscamento delle foreste, dell’accumulo di rifiuti e dell’uso irrazionale della terra nel Nagorno-Karabakh.

Il rapporto della missione di valutazione ambientale guidata dall’OSCE nei territori colpiti dagli incendi nella regione del Nagorno-Karabakh e dintorni, condotta dal 2 al 13 ottobre 2006, ha concluso che le aree bruciate erano estese e gli impatti sulle persone, sull’economia e sull’ambiente erano significativi. Il rapporto preparato dal Ministero degli Affari Esteri della Repubblica dell’Azerbaijan dipinge anche un quadro scioccante delle attività economiche illegali e di altro tipo nei territori occupati dell’Azerbaijan: 

Lo sfruttamento delle risorse naturali accompagnato da disastri ecologici associati, come le discariche e l’inquinamento delle acque, ha raggiunto un ritmo così veloce e senza ostacoli che anche le organizzazioni ambientali con sede in Armenia, compreso il Fronte Pan-Armeno per l’Ambiente (PAEF), hanno alzato [una] bandiera rossa

Ministero degli Affari Esteri della Repubblica dell'Azerbaijan

I crimini ambientali commessi dall’Armenia per molti anni sono evidenziati anche dalle immagini satellitari di Azercosmos. Queste prove mostrano che nei territori occupati elementi preziosi della flora e fauna locale sono stati cancellati. Secondo le stime preliminari degli esperti, il danno all’ambiente e alle risorse naturali è valutato a circa 265,3 miliardi di dollari.

Le foreste nell’ecocidio del Nagorno-Karabakh

Vale la pena notare che l’area forestale totale sotto occupazione era di 247.352 ettari; circa 13.197 ettari di questi sono di particolare importanza. Più di 460 piante e arbusti selvatici crescono in queste aree forestali. Di queste, 70 sono endemiche e non crescono naturalmente in nessun’altra parte del mondo. Nella regione di Kalbajar, 968 ettari di alberi – inclusi nella Lista Rossa dell’IUCN – sono stati abbattuti e venduti all’estero. Questo è uno degli aspetti dell’ecocidio del Nagorno-Karabakh.

Tofig Mammadov, il direttore dell’Istituto di Dendrologia dell’Accademia Nazionale delle Scienze dell’Azerbaigian, ha dichiarato che 21 specie endemiche dell’Azerbaigian, così come centinaia di piante rare e in pericolo, sono state distrutte dalle forze di occupazione dell’Armenia. Rare specie forestali, tra cui platani, noci, querce e altre specie arboree di valore nella Riserva Naturale Statale di Basitchay, nella Riserva Naturale Statale di Aras, nell’Area Statale di Conservazione della Natura di Qaragol e nelle Riserve Naturali Statali delle regioni di Lachin, Gubadli e Dashalti sono state saccheggiate e sottoposte ad abbattimento e taglio per il legname che veniva esportato dai territori occupati per la produzione di mobili, botti e fucili. Molte di queste specie di alberi sono ora sull’orlo della scomparsa.

Foreste in fiamme dopo il conflitto in Azerbaijan

Fonte immagine: https://www.ctvnews.ca/world/fighting-over-nagorno-karabakh-region-drags-on-into-6th-week-1.5169867

La foresta brucia in montagna dopo il bombardamento dell’artiglieria dell’Azerbaigian durante un conflitto militare fuori Stepanakert, la regione separatista del Nagorno-Karabakh, sabato 31 ottobre 2020. (AP Photo)

Per dirla in breve, come conseguenza dell’occupazione, il Nagorno-Karabakh ha sperimentato una massiccia distruzione dell’ecosistema che può essere denominata come “ecocidio”, con conseguenze penali per i responsabili.

Nel frattempo, l’Azerbaijan sta piantando alberi nei distretti liberati di Zangilan e Fizuli, e ha già intrapreso iniziative per ripristinare l’ecosistema dei territori liberati. Tuttavia, l’espansione della biodiversità e la riabilitazione dell’ecosistema della regione richiederanno lo sviluppo di un programma completo. Potrebbero volerci decenni per ripristinare la flora e la fauna, poiché alcune piante sono state completamente distrutte e altre sono sull’orlo dell’estinzione. Non appena gli specialisti valuteranno i danni causati all’ambiente, sarà possibile determinare i meccanismi legali per portare i responsabili del crimine di ecocidio davanti alla giustizia e chiedere un risarcimento.

In conclusione

L’atteggiamento ostile verso la natura e l’ecocidio del Nagorno-Karabakh e nelle regioni adiacenti dell’Azerbaijan non solo costituiscono una grave minaccia per l’equilibrio ecologico, la flora e la fauna dell’Azerbaijan, ma anche, insieme ad altre azioni provocatorie, instillano ulteriore odio e costituiscono una grave minaccia alla pace e alla sicurezza nella regione. In definitiva, questo comportamento brutale verso l’ambiente, questo ecocidio, impedirà il processo di riconciliazione tra questi due paesi che sono legati insieme dalla geografia e dalla storia.

Stefano Cisternino dal Salento

Hai trovato l’articolo interessante? Qui ne trovi altri!